Florence-siero-viso-vitamina-c-opinioni-recensioni-inci

FLORENCE – siero viso con vitamina C – opinione e INCI

siero viso con vitamina C florence – caratteristiche

  • Cos’è – siero gel per il viso con vitamina C e acido ialuronico
  • Cosa promette – trattamento antiage idratante e antiossidante che stimola nella pelle la naturale produzione di collagene
  • Prezzo / quantità – 14 euro per 60 ml
  • Dove si acquista – online qui
  • OpinionePromosso

Analisi inci / ingredienti

Florence-siero-viso-vitamina-c-opinioni-recensioni-inci
Ho trovato online diverse versioni dell’inci del siero viso alla vitamina C Florence, alcune poco sensate, altre con variazioni marginali che possono essere attribuite ai diversi lotti di produzione: quella proposta in foto credo sia la lista ingredienti più recente e la più ricorrente.
Se quella in vostro possesso dovesse essere minimamente diversa (qualche ingrediente invertito d’ordine), l’opinione seguente resta valida.

La formula del siero viso Florence alla vitamina C non si perde in tanti preamboli: acqua e vitamina C sono i due ingredienti principali.
La forma di vitamina C qui utilizzata è il Sodium ascorbyl phosphate, decisamente più stabile e duraturo rispetto all’acido ascorbico non trattato, che invece ossida dopo pochi giorni e richiede enormi accortezze per poter essere inserito nei cosmetici.
La pelle provvederà poi a riconvertire il sodium ascorbyl phosphate in vitamina C biodisponibile, per poter sfruttare le molteplici virtù di questa molecola.

Principalmente la funzionalità sulla pelle del sodium ascorbyl phosphate è di tipo antiossidante: protegge la pelle neutralizzando i radicali liberi e rallentando quindi i processi di invecchiamento innescati dai meccanismi di ossidazione.
La vitamina C è, inoltre, fondamentale per i delicati equilibri che portano alla formazione di nuovo collagene nella cute, e contribuisce a proteggere la struttura cutanea dagli enzimi che tendono a distruggere le fibre di collagene ed elastina nel tempo.
Si tratta di un attivo eccellente anche in funzione schiarente, per combattere l’insorgenza di macchie cutanee, in quanto la vitamina C sequestra l’ossigeno indispensabile all’attivazione dell’enzima tirosinasi, responsabile della produzione di melanina e, quindi, della pigmentazione delle macchie.
Per poter beneficiare delle sue molte virtù, il sodium ascorbyl phosphate necessita di essere utilizzato in formula tra l’1% e il 4%: in questo caso, è verosimile che la percentuale di attivo presente sia elevata.

A supporto dell’azione della vitamina C, la formula di questo siero viso Florence prevede anche l’azione di supporto dell’acido ferulico, un  potente antiossidante di origine vegetale, che non solo aumenta la stabilità e la conservazione delle molecole di vitamina C, ma contribuisce in modo sostanziale ad aumentare la protezione della pelle contro i danni da invecchiamento fotoindotto (ossia, provocato dalla luce).

Il gel di aloe (aloe barbadensis) serve esclusivamente a sostituire una piccola parte della quota acquosa del siero alla vitamina C Florence, e contribuisce a mantenere la pelle idratata, così come la glicerina.
L’acido ialuronico è l’attivo idratante per eccellenza, qui presente sia a medio peso molecolare (sodium hyaluronate), sia a basso peso molecolare (hydrolized hyaluronic acid), per poter garantire un’idratazione ottimale della cute a diverse profondità.

A questi deve aggiungersi l’azione dell’arginina, amminoacido essenziale che fa parte del Natural Moisturizing Factor della cute e contribuisce quindi a migliorare le funzioni idratanti del siero alla vitamina C Florence, alle quali aggiunge attività antiossidanti e riparatrici.

La lista INCI del siero alla vitamina C Florence ci svela che, per questa formula, sono stati scelti anche degli estratti vegetali, cosa non sempre positiva:

  • Il tarassaco(taraxacum officinale) è un drenante ad uso erboristico, mentre in cosmesi stimola il microcircolo e funge da antiossidante;
  • dalla centella asiatica si ricava invece un estratto vegetale straordinario, grazie al suo contenuto di madecassoside possiede infatti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, alle quali la centella asiatica aggiunge attività riparative importanti, di rinforzo per la barriera cutanea e l’elasticità della pelle;
  • l’estratto di equiseto (equisetum arvense) ha notevoli benefici per la pelle quando assunto per via orale, mentre il suo uso cosmetico semplicemente funziona da antiossidante di supporto e coadiuvante per la riparazione della pelle.
  • l’estratto di amamelide (hamamelis virginiana) è invece una pessima scelta, in quanto la sua elevata concentrazione di tannini, astringenti, possono disidratare la barriera cutanea, così come l’alcool normalmente utilizzato per la sua distillazione. Per fortuna, la sua concentrazione nel siero alla vitamina C Florence è minima.

Il sistema conservante scelto per il siero alla vitamina C Florence è ad ampio spettro e generalmente ben tollerato: soprattutto il phenoxyethanol e l’ethylhexylglycerin provocano raramente reazioni allergiche e danno un’elevata sicurezza in termini di conservazione del prodotto.
Meno tranquilla è l’azione della coppia di conservanti ecobiologici potassium sorbate e sodium beanzoate,  in quanto quest’ultimo pone un rischio più elevato di scatenare irritazioni.

La profumazione è data dall’olio essenziale di arancio dolce (citrus aurantium dulcis peel oil), quindi un aroma del tutto naturale, che tuttavia aggiunge al siero una piccola quota allergizzante, che pone un rischio di tollerabilità per le pelli allergiche e per l’utilizzo con il dermaroller.

– Leggi anche – Siero viso: a cosa serve davvero? Quale scegliere? – 

Opinione Conclusiva

Florence-siero-viso-vitamina-c-opinioni-recensioni-inci
Il siero viso alla vitamina C di Florence nasce da un’idea commerciale ben ponderata: i creatori dell’azienda sono due pubblicitari che hanno deciso di far produrre una piccola linea cosmetica da contoterzisti italiani, puntando su attivi conosciuti, formule ben collaudate, nessun guizzo creativo (niente estratti esotici dalle proprietà miracolose, né ricerca su molecole sconosciute ed esclusive), il che permette i costi contenuti.

Si tratta di un approccio alla cosmesi poco romantico, molto pratico, e va benissimo così: la formula del siero alla vitamina C Florence è semplice, già vista mille volte, ma funziona e costa davvero poco.

Il siero alla vitamina C Florence è un’ottima scelta per la skincare del mattino: per proteggere la pelle dallo stress ossidativo a cui viene sottoposta durante il giorno, sia a causa della luce, sia a causa degli inquinanti atmosferici.

La vitamina C così formulata può raramente provocare irritazione nei soggetti più predisposti, eventualità inevitabile con qualsiasi prodotto cosmetico abbia un minimo di bioattività sulla pelle, soprattutto considerando l’associazione con oli essenziali ed estratti vegetali.
Pertanto, NON si tratta di un siero da utilizzare con il dermaroller, né su pelli molto reattive.

Consiglio, invece, l’utilizzo di questo siero a coloro che hanno una pelle normalmente sana o con minime sensibilità, dopo la pulizia del viso mattutina o anche nella skincare serale.
Dovrà essere applicato sulla pelle umida (spruzzando un po’ di tonico), prima di applicare la propria crema giorno e la protezione solare.
È adatto a qualsiasi tipologia cutanea, anche le più secche o le più oleose, in quanto sarà la scelta della crema successiva a determinare il livello di nutrimento apportato dalla skincare.

  • È possibile che rispetti il claim dell’azienda?. Si, il siero viso alla vitamina C Florence ha una formula idratante e antiossidante, con una concentrazione adeguata di vitamina C stabilizzata, le cui proprietà stimolanti sulla produzione di collagene e schiarenti sulle macchie sono scientificamente riconosciute.
  • Ecosostenibile / dermocompatibile? Si.
  • Certificato ecobio / cosmetico biologico? Si, certificato AIAB
  • Vegan? Si, Certificato Vegan
  • Per cute sensibile? No, contiene oli essenziali e relativi allergeni, contiene benzoato di sodio.

Grazie per aver letto fin qui! Ricorda di iscriverti alla Newsletter per ricevere ogni settimana sulla tua mail gli aggiornamenti del blog.

Dorothy Danielle 🌺

Desideri una skincare routine personalizzata? SOS SKINCARE – Consulenza Cosmetica personale

8 pensieri su “FLORENCE – siero viso con vitamina C – opinione e INCI

  1. Lucia says:

    Buongiorno Dorothy,
    grazie per la bellissima recensione.
    A quanto ho capito quindi con la forma di vitamina C qui utilizzata, la stessa non è fotosensibile e si può utilizzare fino ad esaurimento del flacone, una volta aperto, sempre rispettandone il PAO?
    A presto e buona giornata!
    Lucia

    • Dorothy says:

      Ciao Lucia, grazie a te per il gentilissimo commento!
      Ti confermo che il sodium ascorbyl phosphate è molto più stabile rispetto all’acido ascorbico: questa è una molecola che dura senza problemi fino alla fine del PAO e mantiene molto più a lungo le sua proprietà. Inoltre, non trattandosi più di un acido, non crea nemmeno particolari conflitti a livello di abbinamenti.
      A presto, buona serata!
      Dorothy

  2. Marisa says:

    Ciao Dorothy
    sono contenta della review di questo prodotto alla vitamina C, super sponsorizzato su tutti i canali e amato da moltissimi. Ora mi sento piu tranquilla a provarlo.
    Volevo chiederti se possibile, cosa ne pensi del siero alla vitamina C della Geek and Gorgeous – si chiama C Glow – se pensi di farne una recensione completa ne sarei super felice, ma posso accontentarmi di un parere in poche parole.
    Grazie
    Saluti Marisa

    • Dorothy says:

      Ciao Marisa,
      sono davvero felice che l’articolo ti sia piaciuto!
      Mi segno la tua richiesta per quanto riguarda il siero di Geek and Gorgeous, ma ti posso già dire che gli attivi ricordano il CE Ferulic di Skinceuticals, quindi ha il solito problema dei sieri acquosi contenenti acido ascorbico: la conservazione di questa sostanza che, una volta dissolta in acqua, diventa estremamente sensibile all’ossidazione causata da luce e aria.

      A presto!
      Dorothy

      • Federica says:

        Dorothy scusa se ho risposto ora ma non avevo visto il tuo messaggio!
        Allora un pochino si….però non mi ha dato particolarmente fastidio!

        • Dorothy says:

          Non preoccuparti assolutamente e grazie mille per l’informazione, immaginavo facendo l’analisi che utilizzando così tanto ascorbyl phosphate così in alto potesse appiccicare un pochino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.